Stai leggendo il blog di: Gaunt Noir
Questo blog ha 4 Followers
Questa storia contiene 4 post

Naviga la storia: dim


Dietro il monitor #01

E per una volta che avevo creato un attimo di attesa fra i fan che si arrovellano nei forum, si spintonano nelle chat, mi telefonano con imprecazioni d’altri tempi (taluni con messaggi minatori e con riferimenti sessuali) dimandandosi cosa accadrà ora all’allenatore infervorato, mi sveglio da un sogno di successo e penso “No, oggi voglio fermarmi un attimo”!

Ohibò, ecco dunque la prima (e forse unica, chissà) strippa di Dietro il monitor ovvero le storielline di vita quotidiana da dietro un monitor dell’autore di OtakuPals! :O
Qui il Gaunt che disegna il Gaunt, è molto ma molto più somigliante alla sua controparte in OtakuPals: barbetta incolta che s’attacca alle basette, baffetti che spuntano dopo averli tagliati puntualmente due giorni prima, gli anelli, le camicie a righe e i gillet che di solito mi accompagnano finchè il sole non tende a rendere l’abbigliamento, una piccola sauna con le maniche!

Bene, detto questo, striscia interamente dedicata a SHOCKDOM e principalmente ai miei quattro blog preferiti, le prime quattro pagine che guardo appena dispongo di una connessione internet la mattina!

Incomincio con ESSE, blog satirico collettivo di autori fra cui me (ultimamente col dente alquanto avvelenato) gli altri tre menzionati qui sotto e tanti altri autori sempre di Shockdom, e c’è pure il Leo!
Ma cosa volete di più, un tucano?
Amare un tucano, voglio il meglio!

Continuo cliccando sulla barretta nera in alto, e arrivo dritto dritto da un uomo che se è vero che esiste l’invidia del pene, allora io ho devo avere l’invidia del fumetto! Parlo ovviamente di Albo e il suo MoStrip, di cui non aggiungerò altri complimenti non avendo io, il senso della misura e finisce che a voler fare complimenti, finisco invece per passare da leccaculo. Ma per quello lascio il posto a chi è in coda al Senato.

Continuo il mio surfar nel web affogando nel delirio unico dello Spazzolino del Mago Zurlì del buon Vaz che con la mia visione perversa della Palla da Bowling nella strip di oggi, probabilmente verrò ucciso dalla stessa il più presto possibile. Di nuovo!

E non pago del continuare, continuo a continuanza, continuando a vedere se Calanda ha aggiornato, rimanendo ogni volta di sasso a vedere come con un tratto così essenziale e definito e con un gioco di colori fra il grigio e dei colori shocking, sappia tirare fuori delle cose meravigliose!

E così, dopo essermi rifatto gli occhi e la mente, approdo sul mio OtakuPals, guardo se qualche eroico pazzo (con quale altro amichevole aggettivo posso definirvi ragazzi?) ha commentato sulle mie striscioline, guardo attentamente l’ultima e poi mi dico “E per domani… cosa cacchio faccio?” XD

Ovviamente su Shockdom ci sono tanti altri autori fra sconosciuti e ovviamente famosi, che seguo semiquotidianamente (non sono un gran commentatore, perdonatemi), ma questa è la mia cinquina mattutina e nessuno me la porterà mai via! :3

UPDATE delle 00:41
Di ritorno dopo la serata con Marco Travaglio, DJV 2009 per la libertà di stampa. Strabigliante, ha il dono di abbagliarti e soprattutto sa donarti quel senso di vuoto che dovremmo provare ogni giorno per l’assenza totale di informazione sui canali convenzionali.
Semplicemente grazie Marco, e ancora, a quest’ora buona cena, che l’ultima cosa che ha mangiato è stata ieri, in germania, della carne schifosa!

travaglio20090429
Da sinistra: Leo, Gaunt, Marco Travaglio

Gaunt Noir

Questo post si trova nella categoria: Dietro il monitor

Naviga la storia: dim


7 responses to “Dietro il monitor #01

  1. ^____^ troppo buono… mi piace questa incursione nel quotidiano, anche stilisticamente, spero di vederne altre (magari non necessariamente col Gaunt davanti al pc)

  2. Mi aggrego a @calanda, questo stile di disegno piace molto anche a me! Soprattutto per il tratto… C’è qualche motivo particolare per cui non lo adotti nelle tue strisce normalmente? Inoltre c’è da dire che qui ti sei fatto decisamente più somigliante. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *