Stai leggendo il blog di: Albo
Questo blog ha 31 Followers
Questo tag contiene 3 post

Esplora il tag: wii


MoStrip 1421 – Protesta videoludica!

Vota l'articolo!

0

E’ ora di finirla con ste console da pivellini con i controller che funzionano col movimento! Noi al massimo vogliamo muovere le dita sui tasti, niente più! E poi, sarò esagerato, ma assieme al fiorire di tutte queste periferiche che dovrebbero far avvicinare anche gente tutta d’un pezzo che mai e poi mai giocherebbe con le consolle (che per loro restano sempre scritte con due L), noto un livellamento verso il basso della complessità e difficoltà dei videogiochi.

Io non sono mai stato uno che i giochi li finisce in pochi giorni, anzi, ricordo che da gggiovane, spesso non riuscivo ad arrivare in fondo a certi giochi, se non attraverso trucchi e cheat vari. Ora invece ci riesco senza particolari problemi, in poco tempo e senza barare. O sono io che sono diventato bravissimo, o negli anni ’90  i programmatori avevano qualche problema a calibrare la difficoltà oppure ultimamente si tende a fare giochi semplici e meno frustranti per far appassionare anche i casual gamer. Quale delle tre ipotesi è quella giusta?

Share
Questo post si trova nella categoria: MoStrip
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Esplora il tag: wii


24 responses to “MoStrip 1421 – Protesta videoludica!

  1. Ommioddio, il mio primo amore, la luce dei miei occhi oggi come allora, l’unico e primo NINTENDO NES!!!!!
    In famiglia andiamo in controtendenza (o seguiamo quella di Butch), la wii non ce la filiamo di striscio e per il mitico NES c’era da fare la fila ….e la prima era sempre la mamma

  2. Son d’accordo ALBO…oggi davanti al kinect io e mio Cognato sembravamo due pazzi…e il Kinect ti fotografa e mostra anche quanto eri penoso a sbracciarti !!!!
    Viva il Sega Saturn!!!!!!!!!!!!!!
    Vherasil

    figo, quindi si può fare il moviolone e far rivedere a tutti i tuoi goffi movimenti? è la gogna del terzo millennio! E magari sono condivisibili su Youtube!
    Albo

  3. quindi immagino che penserai del Kinect 😀

    a proposito
    http://www.automania.it/novita.asp?id=1941

    secondo loro nn possono fare giochi erotici con questa tecnologia perchè è pensato per le famiglie visto che lo usano anche i ragazzini: come se nn facessero dvd porno perchè i lettori dvd li usano anche i bambini per vedere i cartoni, mah

    Tommy, i giochi erotici si fanno in 2 e SENZA console 😀
    Albo

  4. Sono un fedele lettore silenzioso ma non posso non commentare se mi tiri fuori il mitico Nintendo NES, compagno fedele di mille avventure! Grazie o maestro Albo!

    Riguardo la difficoltà dei giochi credo nella terza opzione abbinata ad una questione di marketing: prima finisci il gioco che hai prima ne compri un altro!

    grazie per il “maestro”, non merito simili appellativi 😀
    comunque secondo me il criterio è più che altro “se finisci il gioco e sei appagato, poi ne compri un altro più volentieri. Se non riesci ad avanzare, magari ci pensi due volte prima di prenderne un altro”
    Albo

  5. Butch ha ragione! Voglio rilassarmi su una comoda poltrona (o letto) quando gioco!

    W gli emulatori !!! 🙂

    già, gli emulatori risolvono molti problemi… infatti guarda caso, sono presenti versioni dei grandi classici più o meno rimasterizzati su tutti i market delle principali console 🙂
    Albo

  6. Io rimpiango amaramente i vecchi giochi del Commodore 64 e dell’Amiga 500… rispetto ai giochi moderni avevano una grafica penosa, ma erano di un’immediatezza e un divertimento che non sono più riuscito a trovare! é_è

    Quanto alla tua domanda, sentendo un pò in giro tra amici e parenti, sospetto che la risposta giusta sia la tre: hanno abbassato il livello di difficoltà perchè hanno paura che, se il gioco è (o SEMBRA) difficile, poi la gente non lo compra. -.-‘

    o al massimo non ne compra più… perchè non si sente gratificato per il fatto di aver speso una discreta cifra. O comunque, adesso che ci penso, c’è anche dell’altro: I videogiochi ormai hanno budget pari a quelli dei film. I team di sviluppo sono spesso molto grandi ed è anche comprensibile che di un videogioco si voglia far vedere l’inizio, ma anche la fine… io ad esempio conosco a memoria il primo livello di Super Mario Bros, ma non ricordo altrettanto bene l’ultimo livello. Volendo continuare sull’analogia Videogioco-Film si potrebbe dire che è come guardare un paio di scene iniziali di un film e poi andarsene via non vedendo il finale. So che sono 2 media differenti, ma immagino che qualcuno in alto nelle software house possa fare questo ragionamento.
    Albo

  7. Sai quanta gente in più avvicinano giochi tipo la wii o kinetic? Mia moglie ad esempio con i normali controller si è sempre incasinata e non le interessavano assolutamente i videogames. Ora che basta muoversi davanti alla TV si sta appassionando.
    Io ormai gioco molto poco però, tutto sommato sono sempre rimasto affezionato a giochi come Resident Evil, Silent Hill, GT, ecc. in cui te ne stavi seduto bello bello facendo andare solo le dita senza sbracciarti come un deficiente 🙂

  8. Scherzi? I retro-game spaccano (le dita), Non mi ricordo quale ma un Megaman mi ha ridotto a fisarmonica le dita solamente al secondo livello (Anche Bugbomber non scherzava, fare già il terzo livello da solo implica un’abilità allarmante)

  9. aahahahhahah verissima, è l’immortale console che ha in mano butch è l’ultima che sia entrata in casa mia 😛

    da allora infatti gioco solamente con il pc, e anche io mi son posto più volte la stesso dubbio sulla difficoltà dei giochi… quando penso al primo Quake o al primo Starcraft non posso fare a meno di ricordare le bestemmie tirate per riuscire a completarli, a differenza di quanto avviene con la maggior parte dei FPS ed RTS odierni, e non penso che il motivo sia l’abilità perchè allora giocavo molto più di adesso, ed avevo una dimestichezza che attualmente ho perso.

    Se invece torno proprio ai tempi del nintendo, non posso fare a meno di ricordarmi con rammarico di non essere mai riuscito a completare Double Dragon III…

    Insomma, un tempo finire un gioco costituiva un motivo di vanto fra amici appassionati 😀

    esatto, adesso riesco a finirli perfino io, vorrà dire qualcosa 🙂
    Albo

  10. I videogiochi da console ormai si stanno basando su cose sempre più semplici, per avere dei bei gioconi in cui usare il cervello occorre rivolgersi al PC o ancora meglio ai buoni vecchi giochi da tavolo, come insegna lo stesso Eriadan X°D

  11. però la playstation move l’hanno copiata dalla wii…

    in ogni caso rivogliamo giochi della difficoltà e la longevità di “lemmings” o “the legend of Zelda”!!!

    beh i controller sensibili al movimento fanno gola a tutti, poi il meccanismo del Move è diverso da quello del wiimote, così non ci sono problemi di brevetti 🙂
    Albo

  12. E già…
    Ma io ancora oggi stimo chi è riuscito a fare tutti i 100 livelli di bubble Bubble…

    L’unico modo per avere dei giochi con delle sfide è andare sugli RPG giappi vecchia scuola, star ocean per completare tutte le missioni secondarie e sbloccare tutti i trofei necessita di circa 400/450 ore di gioco… ed è un gioco di un paio di anni fa, senza un po’ di livellamento ed un po’ di strategia non lo finisci…

  13. @MattoMatteo: Ehi, l’Amiga 500 aveva giochi del calibro di Agony che avevano una grafica 2D che non ho mai più visto in seguito, non definiamolo penoso, neanche in confronto con i giochi di oggi che spesso mancano di stile e originalità
    (Ad ogni modo sempre siano benedetti Megaman 9 e 10, almeno un gioco come quelli dei vecchi tempi.)

    eheheh di Megaman ho provato la demo per PS3 😀 ecco un gioco dei vecchi tempi!
    Albo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *