Stai leggendo il blog di: Albo
Questo blog ha 31 Followers
Questo tag contiene 5 post

Esplora il tag: scienza


MoStrip 1629 – Misteri ma non troppo!

Vota l'articolo!

0

Tra l’altro questo fenomeno che era veramente una cosa senza una spiegazione scientifica, recentemente sarebbe stato spiegato. A quanto pare il rattrappimento della pelle delle mani in acqua è un’eredità degli uomini preistorici che pescavano a mani nude in acqua. Grazie a questo espediente, la presa sugli oggetti o sulle prede era più salda e quindi si avevano maggiori chances di catturare la preda. Non me lo sono inventato, l’ho letto qui. Perché mica si fanno soltanto fumetti scemi qui!

Share
Questo post si trova nella categoria: MoStrip
Tags: , , , , , , , , ,

Esplora il tag: scienza


19 responses to “MoStrip 1629 – Misteri ma non troppo!

  1. ti rovino il dubbio: è un sistema di adattamento. Quando entri in acqua il fondo è sicuramente bagnato (ma dai!) e scivoloso, con quelle pieghe su piedi e mani (molti animali si muovono a 4 zampe) fai una migliore presa.

    1. Sono andato a controllare, e gli scienziati dicono proprio che serve a migliorare la presa in acqua e in ambienti umidi! Quindi, più o meno quello che dici tu. Ci sono anche prove sperimentali: messa una pallina in acqua, s’è provato a farla prendere ad un gruppo che s’era fatto raggrinzire le mani nell’acqua prima e a uno che non se le era fatte raggrinzire, e ai primi è riuscito più semplice, mentre all’asciutto non c’erano differenze. Si sta studiando se accade anche ad altri primati.

  2. ma non è passato un “po’” di tempo da quando si pescava con le mani?
    e domanda da 100 milioni di dollari: com’è che non ci evolviamo più?

    1. non sono un esperto di evoluzionismo, ma penso che l’uomo è una specie relativamente giovane, quindi penso sia normale avere ancora certi caratteri. Inoltre, a prescindere dall’uso specifico della caccia, è sempre un adattamento vantaggioso, per mantenere la presa in condizioni più difficili, quindi è anche per questo che è ancora presente: è pur sempre utile. Poi dubito che non ci siano state evoluzioni dall’uomo primitivo in avanti, è molto azzardato dire che l’evoluzione si sia fermata.

      1. Infatti non è che l’evoluzione si sia fermata… è solo così lenta che non si vede ad occhio nudo.
        Ma, tanto per fare un’esempio, l’altezza media degli europei si è costantemente alzata, negli ultimi secoli, per via della migliore alimentazione.

    2. Il problema e’ che per la teoria dell’evoluzione noi non dovremmo neppure esistere: non sono mai state trovate prove sufficienti per dimostrare l’evoluzione umana ed i tempi attualmente accettati per il suo svolgimento sono troppo brevi.

      Oltre al fatto che la maggioranza delle caratteristiche umane sono perdenti in un contesto naturale e quindi non avrebbero dovuto affermarsi.

      Infine l’intelligenza ed il pensiero astratto umano non sono nemmeno concepite nella toeia dell’evoluzione…

      Per questi motivi un po’ di tempo fa, in Inghilterra, non volevano nemmeno piu’ insegnarla nelle scuole (solo per quanto riguarda l’evoluzione umana).

      In risposta alla tua domanda, l’uomo e’ cosi’ da 200-300 mila anni, e perche’ una nuova caratteristica si affermi su tutta la popolazione ci vogliono tempi molto piu’ lunghi. Inolte lo sviluppo tecnologico fa si’ che per l’uomo l’evoluzione non valga piu’ perche’ non c’e’ piu’ la selezione naturale degli individui piu’ forti e perche’ i vincoli socilai impediscono al maschio alfa di andare in giro ad inseminare tutte le femmine che trova (a meno che non sia un calciatore od un presidente del consiglio…)

  3. Come mi disse una volta il mio docente di laboratorio: le mani diventano rugose perché cercano di diluire l’acqua che sta attorno alla mano.

    Un semplice fenomeno di osmosi, niente di più 😀

    Che poi questa caratteristica permettesse all’uomo di prendere meglio i pesci a mani nude sott’acqua, beh, direi che ha senso: più pieghe, maggiore è l’attrito esercitato dalle stesse.

  4. In realtà è dovuto alla diversa salinità dell’acqua e dell’ambiente corporeo… Un essere umano infatti tende a raggiungere l’omeostasi con l’esterno e quindi a cedere acqua al di fuori di se. Cedendo acqua sulla pelle dove non si ha un buon turgore si può osservare il fenomeno delle “grinze”.

    1. Ma quindi poi quando tornano normali è perché l’acqua persa è stata reintegrata? Mi verrà sete d’ora in poi, quando mi vedrò le mani grinzose!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *