Stai leggendo il blog di: Albo
Questo blog ha 31 Followers
Questo tag contiene 1 post

MoStrip 1209 – Entusiasmarti con poco…

Vota l'articolo!

0

striscia20091202

C’è molto di autobiografico in questa striscia… Se seguite le attuali pubblicazioni, quel “Camper” citato da Duke lo riconoscerete perfettamente, trattandosi di questo fumetto qui. Ebbene, tra l’entusiasmo generale, l’ho letto anch’io, per 5 numeri, ma è stata una bella delusione. Alla Bonelli hanno un talento innato per rovinare le belle idee… sarà che hanno il loro modo di fare fumetto, per cui una miniserie in cui, se manchi il primo numero, non ci capisci più nulla non è concepibile; però in una storia dalla durata di 12 uscite io mi aspetterei un susseguirsi di fatti piuttosto serrato, non storie che non hanno nulla a che vedere con la trama principale, se non per il fatto che sono le vite dei protagonisti o addirittura di alcuni comprimari. E poi per cercare di ritornare un attimo in topic, ci mettono uno di quegli strani fenomeni atmosferici da cui è partito tutto. Se volessi un albo slegato da poter leggere fottendomene della storia prenderei un Dylan Dog qualunque, o un numero di Tex. Ma in una storia con un inizio e una fine voglio un po’ di carne al fuoco e non solo nel primo e nell’ultimo numero!

Fine della polemica. Ah per la cronaca, ho abbandonato la lettura di questo fumetto, magari ora le cose sono cambiate… me lo auguro! E vi preannuncio un’altra critica che molti di voi non mi perdoneranno! Non cambiate canale 😀

Share
Questo post si trova nella categoria: MoStrip
Tags: , , , , , , , , , ,


21 responses to “MoStrip 1209 – Entusiasmarti con poco…

  1. Lo sto leggendo anche io e devo dire che per ora non l’ho capito… credo che continuerò anche perchè lo sto facendo a scrocco eheheh

  2. Boh… io nn sapevo neppure che esistesse 😛

    Boutade a parte, è giusto che ci sia un po’ di tutto, in fondo è il pubblico (acquirente pagante) che decreta il successo o la morte di un qualsivoglia fumetto/libro/rivista o altro…
    Poi, per le critiche fatte in modo costruttivo, ci stan sempre bene il confronto, sia che siano stroncanti oppure elogianti.

    Vedremo in segiuto se sarai da linciare, oppure no…

    😆

  3. Io invece seguo alcuni fumetti veramente avvincenti di una casa editrice chiamata shockdom o qualcosa di simile… l’avete mai sentita?
    A mio parere tutti trovano quello che cercano grazie alla varietà degli autori… 🙂

  4. Non leggo la Bonelli (meglio quello che ho trovato di “Rigor Mortis”, ad esempio, visto lo pseudonimo sopra), leggevo i supereroi ma li ho tagliati tutti tranne Hulk/Rulk. Proprio oggi ho provato ad acquistare i Fantastici Quattro ma dopo avere visto le primissime pagine ci ho rinunciato: anche là dove accade qualcosa spesso la storia è illeggibile, del resto, serie ultraquarantenni spremute sino al midollo, e spesso da multinazionali …
    Avvincenti quelli che pubblicano su Shockdom? Grazie a nome di tutti 🙂

  5. Concordo totalmente con la tua critica. Io ho comprato i primi tre numeri poi mi sono arreso e non l’ho più comprato visto che non ho soldi da sprecare.

  6. Camper? Caravan? Bonelli? Non saprei, non conosco, non frequento 😀

    Sono due o tre volte che noto e fisso ipnotizzata il linguone rosso e tumido di Butch.
    E’ grave vero?!!

  7. Ehe, io sul ramo occidentale sono fermo a Bonvì e Charles Shulz… Volevo provare con Sin City e XIII però finchè non racimolo pecunia… Vabbeh, intanto scommetto che la prossima sarà per qualcosa come Death Note e One Piece o Naruto!!! XD
    E, se è così, puoi stare tranquillo, ci penso io. 8)

  8. Dici bene Albo… Bonelli sarà pure un marchio storico italiano, e molte delle sue uscite sono meravigliose anche a distanza di anni (leggo avidamente tutte le uscite di Tex, nonostante la trama tutto sommato scontata)… ma certe volte se ne escono con degli abomini che uccidono i lettori al primo numero!

  9. @NestoRe e @Emi… sinceramente non sono il tipo di fumettaro che andrebbe bene alla Bonelli… 😀
    poi sti geni snobbano completamente la rete, è un comportamento ottuso, proprio di chi sa di avere il dominio delle vendite e di potersene fottere di tutto quello che gli succede intorno… finchè poi non cambia qualcosa e restano col culo per terra (speriamo di no, perchè molti miei colleghi resterebbero senza lavoro e comunque sarebbe una perdita per tutti).

    Questo comportamento mi fa girare incredibilmente le palle, gli scriverei ogni giorno email il cui contenuto è pressappoco “ma quanto siete ottusi e snob del cazzo”, ma sti furboni si vantano sul loro sito di non avere un’email perchè preferiscono la posta cartacea! Ma vaffanculo, va! io per degli spokkiosi più spokkiosi di me non lo spreco un francobollo!

    (sì, quando invierò le mie tavole di prova a Sergio Bonelli, includerò anche questa pagina dei commenti, evidenziando soprattutto questo mio intervento)

  10. Ma pensa un po’, a me Caravan invece non dispiace. Va detto che mi arriva in casa tramite moglie e non è che lo pago io, però si legge con piacere. Personalmente non sento l’ansia per rivelazioni particolari se la vicenda del singolo albo è solida e avvincente. Visto che mi arriva in casa anche Greystorm, ecco, quello lì è abbastanza insulso.
    Certe scelte della Bonelli non le condivido neanche io (chiudere Napoleone e Gea per poi però pubblicare Jan Dix e Lilith, ad esempio), comunque non vedo quali altri editori in Italia pubblichino fumetti di autori italiani decenti a prezzi popolari, a volte palesemente rimettendoci. La Panini (già Marvel Italia) da quanto esiste, 10/12 anni? Il risultato? Ortolani (grande Leo per carità però è un caso isolato). L’Eura forse ma se John Doe è (era) il meglio che riescono a produrre…

  11. Quelli come Duke sono la fonte di ricchezza di molte cose, tra cui la Apple e i fumetti.
    Ma dopotutto tutti i tuoi personaggi arricchiscono qualcuno…Butch con i film porno, Alice e Derek con i vestiti e aggeggi vari, Boney con le medicine, e Harvey ovviamente se stessa XD

  12. a me veramente Caravan piace abbastanza. soprattutto l’ultimo numero, “america, america”, mi e’ sembrato davvero bello. Sono comunque abbastanza eclettico, e mi piace molto anche il genere meno impegnato tipo Greystorm, Brad Barron, o Gregory Hunter (peccato che abbiano chiuso la serie, lasciando un sacco di domande senza risposta, tra l’altro…). Per quanto riguarda Napoleone e Dix, non mi convincono molto nessuno dei due, un po’ troppo fumosi e confusi per i miei gusti, mentre Gea era un capolavoro, ma non e’ stata chiusa, e’ semplicemente arrivata alla fine naturale della storia. Vedremo se Lilith sapra’ prenderne degnamente il posto.
    Comunque ha ragione albo quando dice che sono un po’ spocchiosi alla bonelli, ma per fortuna non ho mai avuto bisogno di scrivergli 🙂

  13. eh… ho letto credo su AFnews ma non ricordo bene che addirittura vogliono pure abbandonare Lucca Comics… dicono che non gli serve a nulla! E GRAZIE!!! sono gli unici che non vendono nulla, hanno uno stand solo per rappresentanza e per far autografare fotocopie di disegni ai loro autori… ma è modo questo di partecipare ad una fiera importante come Lucca Comics? ci credo che per loro è solo una spesa.

  14. lol, vedo che sul forum di TGM mi stanno apprezzando per la calma e la pacatezza delle mie opinioni… Sappiate che la “spokkia” (con le k, sì!) è una malattia che mi affligge… c’è pure scritto nello header del blog. Comunque preciso che lo sfogo è dato dal fatto che in un mondo in cui lo scambio di opinioni e informazioni è molto più veloce grazie ad uno strumento utile come l’email, i signori della Bonelli si vantano di non usarla. Poi per me possono scrivere a mano le loro risposte, magari anche col sangue al posto dell’inchiostro, ma è mai possibile che per avere un’informazione (considerando che fino a poco fa portavo avanti un magazine sui fumetti), devo aspettare settimane tra la mia letterina scritta e la risposta? pensateci, su.

    E poi io fino a pochi anni fa TGM lo leggevo. e prima ancora ZZAP! eccheccacchio! 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *